Analisi dei mercati valutari

nov 27, 2018 | Analisi del mercato valutario

Pillole giornaliere

Biglietto verde in rafforzamento e rendimenti obbligazionari in contrazione, dopo che il Presidente degli Stati Uniti ha dichiarato il piano di incrementare le tariffe dal 10 al 25% su USD 200 BIO di beni cinesi, se nessun accordo sarà raggiunto al G20. Il Governo italiano rimane fedele ai suoi target di bilancio per il 2019 con la EU, che attende i "rapporti tecnici" per quantificare i costi reali delle misure di bilancio. Nikkei +0.75%, EUR 10y IRS -1bp a 0.89%, Brent crude -0.25% a $60.35/b.

USD

Cambio in cerca di direzione intorno area 1.1300 con il sentimento sulla divisa unica che rimane negativo e rischia di riportare il cambio sui minimi dell’anno. L’incertezza sul Brexit e il futuro del governo May assieme alle dinamiche di politica economica tra EU e Italia sono i principali driver ribassisti del cambio. Per la giornata di oggi nulla di rilevante per il vecchio continente con solo lo speech del membro BCE Mersch alle ore 17:00. Oltre oceano abbiamo i membri FOMC Evans Clarida Bostic e George che parleranno nel pomeriggio oltre ale Case Shiller Home price index di settembre in uscita alle 15:00. A livello tecnico primo supporto 1.1220, mentre prima resistenza a 1.1360.

GBP

Sterlina in alleggerimento in area 0.8840, dopo l’iniziale ottimismo del weekend a fronte dell’accordo sul Brexit tra UK e EU. In particolare, l’ottimismo è stato oscurato dalle preoccupazioni del mercato, secondo le quali il parlamento britannico voterà contro l’accordo trovato dal PM May. A livello di dati nulla di rilevante per il Regno Unito. A livello tecnico primo supporto a 0.8800, mentre prima resistenza a 0.8900.


Vorrei ricevere l’Analisi Giornaliera sulle Valute nella mia casella di posta elettronica

Questa newsletter, pubblicata cinque volte la settimana, passa in rassegna giorno per giorno i principali eventi e le attività che dominano i mercati.