Richiedi informazioni

lug 21, 2020 | Risk Management

Weekly Market Outlook | 20 - 24 luglio 2020

Il nostro report settimanale di luglio descrive tutti gli eventi e i fattori chiave che potrebbero influenzare le principali valute durante questa settimana.

a cura di: Isabella Merrina, IT Senior Corporate Hedging Manager e  Valentino Chiappi, IT Corporate Hedging Manager 

20 luglio 2020

  

Cosa è successo nella seconda settimana di luglio

Accordo raggiunto sul Recovery Fund

Dopo 4 giorni di contrattazioni, i leader dell’UE hanno trovato un accordo sul Recovery Fund e più in generale sul bilancio comunitario.

I principali leaders europei plaudono al risultato raggiunto, Merkel si dichiara  «tranquillizzata nel vedere che l’Europa può ancora agire compatta».

E’ la prima volta che il gruppo dei 27 Stati europei decide in favore di un debito comune, dandone mandato alla Commissione Europea.

Il bilancio per i prossimi anni avrà un valore totale di 1.074 miliardi di euro; il Recovery Fund sara’ dotato di 750 miliardi di euro di cui 390 in sussidi e 360 in prestiti.

Per l’Italia si tratterebbe di circa 80 miliardi di euro di sussidi e 120 miliardi di prestiti, anche se ci saranno forme di controllo sull’utilizzo dei fondi.

L’accordo dovrà ora essere ratificato dai singoli paesi e approvato dal Parlamento europeo.

I principali temi di questa settimana

  • Prestiti del settore pubblico nel Regno Unito di giugno – 21 luglio

  • Dati PMI flash di luglio del Regno Unito, Francia, Germania – 24 luglio

  • Vendite al dettaglio del Regno Unito per giugno – 24 luglio

Prestiti del settore pubblico nel Regno Unito di giugno – 21 luglio 

Negli ultimi due mesi il governo del Regno Unito ha preso in prestito oltre 100 miliardi di sterline, un eccezionale intervento per sostenere l’economia. Si è trattato di £ 47,8 miliardi ad aprile seguiti da altri £ 54,5 miliardi a maggio, in parte utilizzati per pagare gli stipendi di 8 milioni di dipendenti del settore privato; il mercato si attende un numero elevato anche a giugno, poiché i costi del programma a supporto dell’occupazione continuano a accumularsi.

Dati PMI flash di luglio del Regno Unito, Francia, Germania – 24 luglio 

Le attese del mercato sono per dei dati PMI flash del Regno Unito relativi al mese di luglio in miglioramento rispetto a giugno, a fronte della riapertura delle attivita’ commerciali avvenuta lo scorso 15 giugno. In Germania e Francia, dove le riaperture sono avvenute in anticipo rispetto al Regno Unito l'attività economica è migliorata, ma non nella misura che supporta una recovery "V shaped". Anche per Francia e Germania ci si aspetta un miglioramento dei dati PMI.

Vendite al dettaglio del Regno Unito per giugno – 24 luglio

Gli ultimi dati relativi alle vendite al dettaglio hanno mostrato i numeri migliori degli ultimi 2 anni, con un aumento del 10,9%, trainato principalmente da un aumento delle vendite nei supermercati e dal forte incremento degli acquisti online. Le attese per il mese di giugno sono di un ulteriore miglioramento del dato, data  la ripartenza dell’economia britannica.

Analisi: EURUSD

Il cambio principe ha iniziato la settimana al rialzo raggiungimento il massimo di 3 mesi a 1,1470 per poi ritracciare.

Il mercato continua a guardare i buoni dati europei come principale catalizzatore del rafforzamento della divisa unica assieme alle aspettative di in un accordo a Bruxelles.

A supportare il cambio anche l’appetito al rischio che indebolisce il biglietto verde come divisa safe haven.

A livello tecnico prima resistenza in area 1,1495 (massimo del 9 marzo 2020) e poi 1,1570 (massimo di gennaio 2019). Sul downside primo supporto a 1,1170 (minimo mensile del 19 giugno) e a seguire 1,1150 (massimo del 27 marzo).

 

Fonte: Reuters Refinitiv



© 2020 Western Union Holdings, Inc. Tutti i diritti riservati. Il presente documento è stato redatto a fini promozionali ed è stato formalizzato ed approvato da Western Union International Bank GmbH – succursale italiana. Le informazioni contenute all’interno non costituiscono né una consulenza né una raccomandazione in materia di investimenti, si tratta di informazioni generali che non tengono, pertanto, in considerazione specifici obiettivi, situazioni finanziarie o esigenze di business. Western Union Business Solutions è una linea di business di The Western Union Company e offre servizi in Italia attraverso Western Union International Bank GmbH, succursale italiana (di seguito “Western Union Business Solutions”), totalmente detenuta da Western Union. Western Union International Bank GmbH, succursale italiana, con sede legale a Roma (00142), Via Virgilio Maroso n. 50, codice fiscale, partitiva IVA e  numero di registrazione presso il Registro delle Imprese di Roma 13068651002, iscritta all’Albo degli Istituti bancari come succursale di banca comunitaria tenuto presso la Banca d’Italia con il numero 3446, è la filiale di Western Union International Bank GmbH, una società di diritto austriaco, (registrata presso il tribunale commerciale di Vienna, numero di registro commerciale: FN256184t; numero di identificazione fiscale delle vendite: ATU 61347377; con sede legale a The Icon Vienna (Turm 24), Wiedner Gürtel 13, 1100 Vienna, Austria, capitale sociale di € 12.000.000, avente come socio unico, e quindi soggetta all’attività di direzione e coordinamento di, Western Union Overseas Limited e iscritta presso l’albo delle banche tenuto presso l’Autorità di Vigilanza Austriaca («Finanzmarktaufsicht»). Il presente documento è stato redatto ai soli fini informativi, non costituisce né un’offerta né una sollecitazione all’investimento e non fa parte delle Condizioni Generali del Servizio di Western Union Business Solutions, né rappresenta operazioni, conferme o qualsivoglia altro contratto stipulato con Western Union Business Solutions.